Fake News a rotelle

Da ieri circola sui social network un video in cui un gruppo di studenti usa i banchi con le rotelle per giocare a scontrarsi, sono tutti senza mascherina, incuranti delle più elementari norme di sicurezza.

Il video è stato condiviso anche da Matteo Salvini, accompagnato dall’hashtag “Azzolina Bocciata”.

Peccato che risalga al 2017.

Matteo Salvini – e la sua galassia di marketing politico – hanno dunque cavalcato allegramente questa fake news grossa come una casa pur di trarne un vantaggio elettorale.

Il punto è che la destra aspettava questi primi giorni di scuola con la bava alla bocca e gli occhi iniettati di sangue. Sognavano incidenti, manifestazioni e disordini. Qualsiasi cosa, pur di fare il tiro a segno sul Governo Conte.

È andata male.

Tutti stanno facendo la propria parte: il Governo, i dirigenti scolastici, i docenti, le famiglie e gli alunni, nella consapevolezza che la situazione è complicata ed inedita, che i problemi sono tanti e tanti sono i sacrifici, ma di certo non si risolvono a colpi di selfie, pagliacciate e fake news.

Teramo 16.9.2020

La nostra più grande fortuna è che in cabina di regia, ad affrontare questa emergenza, non ci siamo Salvini e Meloni.

La colpa è di Chiara

Francesco Filini è un blogger, sulla sua pagina pubblica si definisce Dirigente Nazionale e Coordinatore dell’Ufficio Studi di Fratelli d’Italia. Sin qui, la notizia è che Fratelli d’Italia abbia un Ufficio Studi – passatemi la facezia, ci vuole anche un po’ di ironia nella vita.

Ad ogni modo, Filini ha scritto una lettera aperta a Chiara Ferragni per rispedire al mittente le accuse di fascismo ultimamente sollevate dalla nota influencer contro i quattro aggressori di Willy.

Come dimostra eloquentemente la foto che correda il post, Filini intende dire che la vera “cultura” dei ragazzi coinvolti nell’omicidio di Willy è la cultura dell’immagine e quindi, la cultura degli influencer, non di certo la cultura fascista.

A sostegno di questa tesi, l’autore fa notare che i quattro ragazzi non citano, sulle proprie bacheche, frasi di Evola, Jünger, Celine o Pound, anzi, egli ritiene che non abbiano mai letto un libro, invece (colpo di scena) uno di loro segue proprio Chiara Ferragni (come circa venti milioni di persone nel mondo).

Ammettiamolo pure, questa provocazione intellettuale risulta a suo modo simpatica e accattivante. Peccato che sia completamente errata.

  1. Il post cui si riferisce Filini non l’ha scritto Chiara Ferragni, lei ha semplicemente condiviso nelle sue storie un post pubblicato da spaghettipolitics (se vuoi fare le pulci a qualcuno, almeno assicurati di rivolgerti alla persona giusta).
  2. Filini suppone che essere intrisi di cultura fascista significhi aver letto Evola, Jünger, Celine e Pound. Gioca maliziosamente col termine “cultura”, facendo finta di non sapere che le cose non stanno affatto così. Magari – e ripeto magari – tutti quelli che si professano fascisti avessero letto Pound o Evola, magari tutti quelli che fanno il saluto romano indossando la camicia nera sapessero chi è Jünger o Celine, la drammatica realtà è che la stragrande maggioranza degli italiani non legge – e gli italiani di estrema destra non fanno di certo eccezione.

Questo, ahimè, non significa che la “cultura fascista” non sia ancora ben presente nel Paese. Perché essere intrisi di cultura fascista non significa essere raffinati conoscitori di alcuni filosofi o autori che vengono più o meno correttamente e maliziosamente collegati agli ideali della destra, significa credere ancora nelle idee che il fascismo ha diffuso nella popolazione italiana, significa perpetrare modelli di vita improntati al razzismo (avete presente il manifesto per la purezza della razza e le leggi razziali?) alla violenza (avete presente le squadracce e soprattutto la stretta alleanza con il nazismo?), all’omofobia (sapete che vennero deportati anche molti omosessuali?) e, più in generale, all’arroganza e alla discriminazione dei più deboli.

Insomma, Filini, i fatti storici esprimono la vera natura del fascismo, non le belle pagine degli autori cui alcuni intellettuali ritengono di doversi ispirare.

La mia tesi è che la cultura, intesa in senso accademico, sia strutturalmente nemica della violenza – l’intellettuale violento, a mio avviso, non è un vero intellettuale.

Altra cosa è la (sotto)cultura popolare, fatta di muscoli, di tatuaggi, di simboli, di scritte sui muri, di slogan. Sotto questo punto di vista risulta ovvio – e sinceramente innegabile – il nesso tra quei quattro ragazzi e la (sotto)cultura della destra.

Parliamoci chiaramente, Filini, il suo è un bel tentativo, per carità, ma ancora non raggiunge la sufficienza.

Si presenti al prossimo appello.

Roma 11.9.2020

“Ha stato Chiara Ferragni”

La persona e le idee

Forse questa è la volta buona”

Raffaele Simone, stimato collega e noto intellettuale, ha commentato in questo modo la notizia della positività di Berlusconi.

Desta scandalo che un intellettuale serio e preparato possa comportarsi esattamente come la massa di analfacapre che ha gioito per la morte di Camilleri o per la malattia di Emma Marrone.

Berlusconi ha regalato all’Italia venti anni di malgoverno, barzellette sporche e figuracce internazionali, ma nessuno deve permettersi di sperare male. Comportarsi diversamente significa essere molto cattivi e anche parecchio ingenui.

Il problema non è infatti l’uomo, ma lo spirito che egli incarna e rappresenta. Voglio dire, non avremmo risolto nulla anche se dovessero contemporaneamente sparire dalla faccia della terra gli attuali rappresentati degli analfarazzisti mannari italiani – sarebbero ovviamente sostituiti da altri e magari peggiori politici.

La battaglia che dobbiamo combattere è culturale, non personale.

Il fascismo è un nemico senza volto, per questo è così difficile da sconfiggere.

Ma la cosa peggiore di tutte è osservarne il ghigno satanico mentre guardiamo, sconcertati, uno specchio.

Roma 5.9.2020

“Io non ho inventato il fascismo, l’ho tratto dall’inconscio degli italiani” – b.m.

Le “ferie pagate”

Uno degli sport preferiti degli italiani, da sempre, è parlare male dei dipendenti pubblici. Salvo poi ricordarsi di quanto sono “bravi ed eroici” quando i magistrati saltano in aria, i poliziotti si fanno sparare, i medici e gli infermieri si ammalano e muoiono di covid.

Perché magistrati, poliziotti, medici e infermieri sono dipendenti pubblici – mai troppo pagati e ringraziati per i sacrifici che fanno.

Ma l’italiano è così: prima non paga le tasse – per difesa personale – poi si lamenta che i “servizi” non sono all’altezza delle sue aspettative. Cioè, l’italiano medio pretende di andare al ristorante, mangiare gratis e poi stracciarsi le vesti se l’aragosta non è stata cucinata da Cracco.

Detto questo, molti ministri di destra hanno avuto il buon gusto di insultare i dipendenti statali, etichettandoli esplicitamente come fannulloni e scansafatiche (tutti, senza distinzioni).

Se sei tentato di dar loro ragione, rileggi, per favore, i punti uno e due.

Vorrei dunque fare un plauso alla Ministra della Funzione Pubblica Fabiana Dadone che, per una rarissima e benedetta volta, ha preso le parti dei dipendenti della P.A., rispondendo alle accuse di Ichino e dicendo semplicemente la verità – cioè che gli uffici non hanno mai chiuso (altro che “ferie pagate”).

Nella mia università eravamo on line tre giorni dopo il lockdown, grazie ai sacrifici e alla flessibilità di personale amministrativo e docenti.

Districandoci tra mille problemi tecnici, giuridici e organizzativi, non abbiamo saltato un giorno di lezione, un appello d’esame, una seduta di laurea. Abbiamo fatto il nostro dovere – e non pretendiamo certo la medaglia -, ma essere accusati di aver fatto le “ferie pagate”, questo proprio no.

A tutto c’è un limite.

Roma 18.6.2020

Grazie Ministra, finalmente.
❤️

La frutta, la rabbia e la verdura

Vicino Foggia sorge una baraccopoli chiamata “la Pista” dove vivono circa 2000 braccianti, la maggior parte dei quali immigrati, la maggior parte dei quali senza permesso di soggiorno. Persone che lavorano fino ad 8 ore nei campi, 6 o 7 giorni su 7, e vengono pagate 30 euro al giorno. Per ogni confezione di pomodori prodotta e venduta, il bracciante irregolare guadagna circa 0,03 euro. 

Questa gente vive in condizioni di estrema miseria, non ha alcun diritto né possibilità di riscatto sociale. Si tratta di una forma contemporanea di schiavitù della quale non si parla mai abbastanza.

Più in alto dei caporali ci sono le aziende agricole. Più in alto delle aziende agricole c’è la grande distribuzione che, in base alle regole del mercato moderno, “si mangia” la produzione. Nel senso che il prezzo (al ribasso) lo fa la grande distribuzione, imponendo alle aziende agricole di fare i salti mortali (e di ricorrere al lavoro nero) per sopravvivere.

Più in alto della grande distribuzione ci siamo noi, bravi cittadini, che abbiamo scatenato una mezza rivoluzione quando ci hanno chiesto di pagare pochi centesimi per i sacchetti di frutta e verdura. Noi abbiamo bisogno di avere zucchine, pomodori e ravanelli. A basso costo. Tutto l’anno. Il resto non ci riguarda, e ci mancherebbe altro, abbiamo già troppi problemi…

La verità è che il nostro sistema economico si regge sullo sfruttamento di queste anime dannate, lo sappiamo tutti, ma facciamo semplicemente finta di niente. Lo sanno i partiti di sinistra (buonisti!) che non hanno mai fatto nulla di concreto per combattere lo status quo. Lo sanno i partiti di destra (cattivisti!) che, oltre a non aver mai fatto nulla, si permettono anche di aizzare le masse contro i dannati della terra, accusandoli delle peggiori nefandezze, tra cui la più infamante è certamente quella di togliere il lavoro agli italiani (come se l’Italia fosse piena di braccianti pronti ad andare a raccogliere i pomodori nei campi a 30 euro al giorno).

Ora, a me sembra chiaro che il nostro Paese abbia bisogno di regolarizzare questa forza lavoro, dobbiamo riconoscere il loro valore, aiutarli ad integrarsi e difenderli dallo sfruttamento.

Ha fatto bene la Ministra Bellanova a proporre una regolamentazione “a tempo”, ma ovviamente non basta. Bisogna trovare il coraggio per fare un decisivo e definitivo passo verso la legalità.

Cittadinanza e diritti per i lavoratori, senza se e senza ma.

Roma 20.5.2020

Così facendo, è chiaro, pagheremo la frutta e la verdura il doppio di quanto non ci costi ora. A me sta benissimo. 

Almeno non sarà sporca di lacrime e sangue.

————————————————————

PS: ho scritto questo post dopo aver visto l’ottimo servizio televisivo di Pecoraro andato in onda ieri sera su Italia Uno. In passato non ho lesinato critiche alla trasmissione Le Iene, ad esempio, due anni fa ho denunciato su questo stesso blog la grande montatura del Blue Whale (una vera e propria bolla mediatica costruita ad arte al solo fine di fare audience). Fatto sta che ieri hanno mandato in onda un servizio serio, bilanciato, ben scritto e girato, facendo vera informazione “a livello teenager”. Io sono dell’idea che quando qualcuno fa qualcosa di buono dobbiamo riconoscerlo ed ammetterlo, altrimenti, giudicando a prescindere – e per partito preso – perdiamo di credibilità. Quindi, bravo Pecoraro, avanti così.