Un Governo GialloVerdeRosa

Profonda analisi politica di Lilli Gruber:noto che nella lista dei Ministri ci sono poche donne”. Cara Lilli, i Ministri devono essere seri, onesti e competenti. Maschi o Femmine non ha davvero nessuna importanza. Fino a quando non la smetteremo di fare questo genere di commenti non ci liberemo mai del sessismo. Sforziamoci di superare questo femminismo da quinta elementare: quando capiremo che le quote rosa insultano prima di tutto le donne?

Ottenere un posto di lavoro in quanto “donna” dovrebbe essere considerato tanto umiliante quanto essere licenziata per questo stesso motivo.

Teramo a.d. 2018

Ignorantia Legis Non Excusat

Lasciamoli liberi di essere se stessi.

Per quanto mi riguarda, la giornata delle lauree è un giorno di lavoro non meno faticoso e stressante di altri. I candidati devono essere attentamente ascoltati, interrogati e valutati. I voti devono essere discussi, spesso anche lungamente, con una commissione di colleghi che non sempre hanno le stesse idee, la stessa sensibilità culturale o lo stesso identico orientamento in tema di voti.

Eppure, la giornata delle lauree per me è anche una giornata gioiosa. Guardando il volto dei genitori, degli amici, dei parenti accorsi per sostenere e supportare il proprio candidato, partecipo volentieri della loro felicità, ne percepisco l’orgoglio e l’emozione. Mentre il candidato parla, sono tesi come corde di violino, attenti ad ogni singola parola, con gli occhi lucidi e lo sguardo fiero. Dopo, si lasciano andare ai festeggiamenti, con tanto di cori e coriandoli.

La giornata delle lauree celebra la maturazione, la fatica e l’impegno dei nostri studenti. Ha il sapore della speranza nel futuro.

A queste cose ho pensato ieri, quando letto che una studentessa della Università degli Studi di Napoli, il giorno delle lauree, è salita sul tetto dell’Ateneo e si è lanciata nel vuoto: aveva detto a parenti ed amici che quel giorno si sarebbe laureata, ma non aveva completato il ciclo di studi.

L’Università non è una gara, non serve per dare soddisfazione alle persone che ci circondano, non è una affannosa corsa ad ostacoli verso il lavoro.

Studiare significa seguire la propria intima vocazione.

Il percorso di studi pone lo studente davanti a se stesso.

Cerchiamo di spiegarlo bene ai nostri ragazzi. Liberiamoli una volta per tutte dall’ossessione della prestazione perfetta, della competizione infinita, della vittoria ad ogni costo.

Lasciamoli liberi di essere se stessi e di sbagliare.

Questo è il più bel dono che possono ricevere.
Il gesto d’amore che può letteralmente salvarne la vita.

Lezioni di Storia e Democrazia

“Con uno stile comunicativo efficace, semplice e accessibile a tutti, un docente universitario di Filosofia del Diritto racconta due episodi chiave della II Guerra Mondiale, rintracciando, in quelle tragedie, la fonte che porterà alla stesura della nostra Carta Costituzionale. Narrando due avvenimenti che ebbero come scenario la città di Roma e videro come protagonisti tanto l’esercito degli “alleati” americani quanto l’esercito degli invasori tedeschi, il Prof. Saraceni si propone di celebrare la genesi della Costituzione più bella del mondo, aiutando il pubblico a ri-scoprire le profonde e sacre radici della nostra giovane democrazia” (cit.)

Per info e biglietti:

https://www.teatrokopo.it/fuori-cartellone-2017-2018/360-il-sangue-della-costituzione.html

 

Costituzione.jpg

Capodanno e terrorismo

La notte di Capodanno, a Milano, è scattato il più grave allarme mai verificatosi in Italia da quando l’Occidente è sotto attacco terrorismo.

Nel pomeriggio di quello stesso giorno, un albergatore aveva chiamato le forze dell’ordine.

Abbiamo ricevuto una prenotazione sospetta: alcuni giorni fa, un signore, un marocchino, ha riservato presso la nostra struttura una stanza per tre persone – dal 29 dicembre al primo gennaio. Il cliente ha utilizzato un sito e ha pagato in anticipo – una bella somma, più di settecento euro – ma sino ad oggi qui non si è presentato nessuno. La stanza è attualmente vuota. E nell’Hotel di fronte al nostro, questa sera, ci sarà la più grande festa al chiuso di Milano e provincia: attendono circa cinquemila persone”. L’albergatore ha poi specificato le generalità della persona che aveva prenotato e pagato la stanza. Si trattava di un soggetto già censito e “segnalato” nelle banche dati internazionali, perché in passato aveva avuto un contatto informatico con un membro di una cellula terroristica che stava progettando un attentato in Francia.

Così, si è messa in moto una gigantesca operazione che ha coinvolto molte e diverse forze dell’ordine. Alcuni agenti si sono infiltrati in borghese alla festa, perquisendo e controllando con discrezione le generalità degli ospiti sospetti, mentre i tiratori scelti salivano sui tetti e mettevano in sicurezza il perimetro esterno all’edificio. Insomma, il 31 dicembre c’era qualcuno che vegliava sulle nostre vite – mentre noi ballavamo, mangiavamo e bevevamo come se non ci fosse un domani. In quelle ore, Milano era considerata ad altissimo rischio attentato. I reparti speciali festeggiavano la mezzanotte al loro “posto di combattimento”, pronti ad intervenire.

“Non c’è nulla di strano”, direte voi, questo è il lavoro che si sono scelti. A parte l’ovvia considerazione per cui il novanta per cento delle volte è il lavoro a scegliere il lavoratore, non il contrario, resta il fatto che questi individui sacrificano normalmente le feste – e spesso rischiano la vita – per un Paese che di certo non li ricopre d’oro e molto raramente ne celebra o ne riconosce il valore.

Almeno da vivi.

Per questo motivo, oggi io vorrei dedicare a loro la mia solidarietà, la mia gratitudine e la mia stima.

Con rispetto parlando.

Guida Pericolosa

Voglio raccontarvi una cosa che mi è accaduta circa tre anni fa, quando ero appena entrato sulla A24, alle 8.30 di mattina, per andare a Teramo. All’improvviso, la vettura che si trovava davanti a me sulla corsia di sorpasso ha iniziato a fare fumo. Il nero si è diffuso nell’aria come inchiostro di seppia nell’acqua. Non ho fatto in tempo a capire cosa stesse accadendo che qualcuno ha spento la luce, mi si è parata davanti una spessa coltre, impenetrabile e nera come il carbone. Non sapevo cosa fare. Ho rallentato. Ho messo le quattro frecce. Mi sono fermato. Ero dentro la nube nera. Ho pensato: se vado avanti rischio di colpire la macchina che si trovava davanti a me un attimo fa e che ora, probabilmente, sta andando a fuoco – o peggio ancora di investire il guidatore che magari è sceso e sta provando a fuggire. Se resto fermo rischio di essere colpito da una macchina che procede ad alta velocità sulla corsia di sorpasso e non fa in tempo a frenare. Mentre formulavo questi pensieri ho notato che il fumo stava iniziando ad entrare nell’abitacolo – era denso e minaccioso, in stile film horror. Ho capito allora di non avere altra scelta, mi sono fatto il segno della croce e ho ripreso la marcia -potete facilmente immaginare con quale stato d’animo. Per fortuna la strada era sgombra. L’automobilista che mi precedeva si era fermato nella corsia di emergenza, era sceso dalla macchina e stava controllando il motore.

Questo incidente mi ha fatto molto riflettere. Abbiamo tutti il vizio di pensare che ciò che facciamo o non facciamo sia esclusivamente un nostro problema e nessuno debba permettersi di metterci bocca. Ci nascondiamo dietro frasi del tipo: “a casa mia sono libero di fare quello che voglio”. Affermazioni come questa sono tremendamente superficiali: è vero che a casa tua sei libero di fare quello che vuoi TU, ma se non controlli periodicamente la TUA caldaia, rischi di far saltare in aria mezzo palazzo, incluso il MIO appartamento, in stile Fight Club. Se non fai controllare il motore della TUA macchia, IO rischio di morire con te sulla A24.

Il punto è che molto raramente le nostre azioni non hanno conseguenze per gli altri. La regola è che i destini degli esseri umani siano reciprocamente e inestricabilmente intrecciati. Pensateci. Se proprio non volete comportarvi responsabilmente per voi stessi, fatelo per tutti gli innocenti che potrebbero restare coinvolti a causa della vostra scriteriata mancanza di responsabilità.

Tenete sotto controllo il motore.
Fatevi periodicamente le analisi.
Andate da uno psicologo se avete il dubbio che qualcosa nella vostra mente non stia funzionando per il verso giusto.

Amare se stessi e prendersi cura di sé non è egoismo: è il modo migliore che abbiamo per rispettare e proteggere la vita delle persone che incrociamo sul nostro cammino.